Fulvio Iannucci

Fulvio Iannucci – Napoli, 15 febbraio 1960.

Laurea in Filosofia con la votazione di 110 e lode/110 e dignità di stampa. Esperienza pluriennale nel campo della formazione e della comunicazione comprovata da contratti di docenza in diverse Università italiane, Master e corsi di Alta Formazione.

Nel 1994 cura, per il Comune di San Giorgio a Cremano, la mostra fotografica su Massimo Troisi e realizza il video ritratto dell’artista dal titolo Non ne ho voglia, inserito nel programma Rai “Napoli, un Rinascimento”. L’anno successivo, nel 1995, è ideatore e direttore artistico del Premio Massimo Troisi, dedicato ai cortometraggi comici e di commedia. È direttore artistico anche della seconda Edizione del Premio.

Sempre nel 1994 è il primo docente in Italia ad insegnare Tecniche della Comunicazione Pubblicitaria nel corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università degli Studi di Salerno. Dal 2009 al 2016 è docente di Tecniche della Comunicazione Pubblicitaria presso il Corso di laurea magistrale in Comunicazione pubblica e d’impresa dell’Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. Nel 2015 è docente di regia e coach di regia e sceneggiatura per il Master in Cinema e Televisione dell’Università Suor Orsola Benincasa, diretto da Nicola Giuliano (produttore del film premio Oscar 2014 “La grande bellezza”).

Prima autore televisivo, poi copywriter per la pubblicità, dal 2000 lavora come documentarista e realizza filmati turistici, culturali e pubblicitari trasmessi su canali televisivi satellitari e terrestri. Collabora anche con la Regione Campania, ente per il quale ha curato la regia di documentari, filmati promozionali e pubblicitari diffusi a livello internazionale (Primo premio al Compa di Milano 2009 nella categoria “video promozionali”).

Per il Parlamento Europeo ha firmato la regia del redazionale dal titolo Access to finance Closer to SMEs e la sceneggiatura e regia per il documentario sul CoR – Comitato delle Regioni.

Nel 2009 ha curato la produzione esecutiva e la regia per i filmati sull’attività di sponsorizzazione di Fiat Italia per tutti i summit G8 organizzati in Italia. Per il Gruppo Fiat realizza anche i filmati istituzionali e i filmati per le press conferences di Mito Alfa Romeo/FPT Fiat Powertrain Technologies.

Nel 2009 ha iniziato a occuparsi anche di cartoni animati firmando diverse serie di cartoon didattici per la Regione Campania (La famiglia Rigatoni), per l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte (Giga e Stick alla scoperta del cosmo), per “Il Mattino” di Napoli (I Docucartoon di Tilapia, la grande avventura del sapere e della fantasia).

Ha realizzato la serie web Boys & Girls, scritta con Roger Rueff (sceneggiatore del film The Big Kauna, con Danny De Vito) e la serie televisiva a cartoni animati In search of Sara J: due progetti europei finalizzati alla promozione di stili di vita sani presso i preadolescenti e gli adolescenti residenti nell’Unione Europea.

Nel 2012 ha diretto (con Riccardo Polizzy Carbonelli) il doppiaggio de La cantata dei pastori, cartoon in 3D per Rai 1.

Nel 2013 ha scritto la sceneggiatura e diretto il cartoon Champagne per il 40° compleanno dell’omonima canzone di Peppino di Capri, presentato in anteprima a Capri Hollywood 2013.

Tra il 2014 e il 2016 firma la regia del docucartoon di presentazione del centro di ricerca Scienza Nuova di Napoli, condotto da Alessandro Cecchi Paone; la sceneggiatura e la regia per il cartoon C’era una volta, oggi, in occasione dei 150 anni del Suor Orsola Benincasa di Napoli; la regia del documentario archeologico Le pitture murali di Cuma: un’avventura interdisciplinare, prodotto dal Centre Jean Bérard e da Labex, CNRS, selezionato in numerosi festival internazionali e la regia (con Miguel Rodriguez Arias) del primo docufilm biografico sulla vita di Jorge Mario Bergoglio dal titolo Francesco da Buenos Aires (uscito in 330 sale cinematografiche italiane) e disponibile su Amazon Prime da maggio 2020.

Nel 2017 firma il soggetto e la regia (con Roly Santos) di Caffè sospeso, documentario girato tra Napoli, New York e Buenos Aires, disponibile dal 1 maggio 2018 sulla piattaforma Netflix.

Nel 2018 cura la regia Vinilici. Perché il vinile ama la musica, il primo docufilm interamente italiano sulla riscoperta del vinile. Distribuito da Mescalito Film, è uscito il 20 novembre

2018 nelle sale cinematografiche italiane ed è stato inserito tra i film scelti per l’omaggio a Carlo Verdone al Festival del cinema di Pistoia 2019.

Ha partecipato a convegni e tavole rotonde in Italia e all’estero e ha pubblicato volumi e saggi presso case editrici nazionali.